Blog Image

Terre d'ascolto

La qualità della nostra Vita è la qualità delle nostre relazioni, a cominciare da quella con sè.

Un luogo non luogo dove ascoltare, trovare, creare, confrontare, guardare, riflettere sul cammino straordinario che è la Vita.
Per ascoltarsi, crearsi, confrontarsi, guardarsi, riflettersi.
Per Amare ciò che è. Adesso. Incondizionatamente.

Un Mondo (Disney) nuovo

Riflessioni Posted on 23 Sep, 2015 09:30:15

Da qualche giorno leggo sui social e su altri media gli entusiastici commenti sull’ultimo film Disney Pixar dal titolo “Inside out” (per precisione distribuito dalla prima e realizzato dalla seconda), certamente onore al merito di avere prodotto un lungometraggio che parli di emozioni in maniera così efficace e tale da stimolare riflessioni.

Davvero una bella iniziativa nella direzione di risvegliare le coscienze verso l’ascolto di sè e di conseguenza migliorare la qualità della relazione con sè e con l’altro, quindi di andare nella direzione di un mondo nuovo.

Da oggi finalmente i dipendenti delle fabbriche cinesi, del Bangladesh e altri paesi orientali, che producono per Disney pupazzetti, magliette e merchandising vario, riceverà salari congrui in ambienti di lavoro che diventeranno salubri e ottimali così non avranno più ragioni per scioperare e gli operai ricevere minacce di licenziamento; le donne non saranno più discriminate, nè picchiate, lavoreranno meno delle solite 18 ore e assumeranno personale sopra i 16 (a volte 13) anni (una delle fonti, in rete si trova molto altro:http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/07/laltra-faccia-della-disney-sfruttamento.html

Eurodisney farà prezzi uguali per tutti i visitatori a prescindere dalla nazionalità e la Commissione Europea ritirerà le denunce relative (fonte, ce ne sono millemila altre:http://www.dirittodicritica.com/2015/08/01/la-commissione-europea-punta-la-lente-su-eurodisney/

Disneyworld in Florida diventerà un vero paradiso come ci hanno fatto credere fino a oggi e si toglierà il soprannome di Mousewitz (Mickey Mouse + Auschwitz), ovvero uno dei peggiori luoghi d’America dove lavorare per condizioni salariali e ambientali (una delle fonti in italiano, in inglese si trovano anche i testi delle varie denunce e sentenze: http://www.nonsolodisneyland.com/t2687-lavorare-alla-disney-meglio-kabul )

E tutto questo sarà reso noto al pubblico e spiegato con un favoloso film di animazione proprio a quei bambini che tanto desiderano visitare i parchi divertimento, indossare magliette e possedere pupazzetti che non saranno più prodotti dai loro coetanei sparsi in mezzo mondo!

Insomma questo film segna la svolta per centinaia di migliaia di persone che ruotano nell’universo Disney, oltre che per i milioni di persone che lo vedranno e avranno spunti di riflessione! Tutto ciò, mi riempie di vera gioia!



Ogni mondo è paese!

Riflessioni Posted on 23 Sep, 2015 08:25:02

A quanto pare “every world is a country”, ogni mondo è paese! Emoticon smile Quindi anche la Volkswagen fa i magheggi e la prima della classe dimostra di essere come tutti gli altri, ha copiato i compitini agli esami, pare, comprandosi la maestra e il preside. Vedremo se gli daranno la solita bacchettata sulle manine o qualcosa di molto peggio gli arriverà dai fedeli acquirenti che come mogli/mariti si sentiranno traditi. Quì sotto il testo integrale dello studio fatto dall’istituto americano che li ha beccati con le mani nella marmellata, dal quale si evince, in verità, che non solo VW è fuori dai limiti imposti dalle normative, ma anche altre marche. Intanto vedremo cosa farà il governo tedesco di fronte a questa bomba atomica che sconquassa l’immagine di un Paese che ha fatto del rispetto delle regole, spesso imposte da loro specie in campo economico, un baluardo. La cosa che più mi incuriosisce è vedere come il mercato reagirà, in Italia chi va in giro con un’auto del gruppo VAG (tra gli altri Volkwagen, Audi, Porsche, Bugatti) fino a oggi lo ha fatto camminando con il nasino all’insù alla francese, chissà che succederà? Credo molto poco o nulla, innanzitutto chi si nutre di immagine riflessa nello specchietto di un’automobile con quattro anelli sul cofano non mollerà tanto facilmente ciò nel quale si identifica anche se non lo ammetterà mai neppure sotto tortura ed io per primo lo so bene, che di quella immagine riflessa mi sono nutrito per anni, inoltre la bolla è troppo grossa e senz’altro interverranno con qualche altro magheggio che ci farà credere che suvvia, che vuoi che sia…Ricordate il caso della Mercedes qualche anno fa quando le Classe A si ribaltavano all’attraversare di un gattino nero? Sembrava dovessero chiudere da un giorno all’altro….Quattro articoli sui media fatti come si deve e oggi il marchio gode di ottima salute. Troppo grandi gli interessi in gioco.
Certo si può anche fare un pò di dietrologia, guardacaso lo studio è stato fatto dagli americani che non amano il diesel, anche perchè da loro costa più della benzina, in questi anni il gruppo VAG ha spinto parecchio per entrare nel mercato USA puntando proprio sulle minori emissioni e consumi del loro motore diesel e, si sa, gli statunitensi non amano molto chi cerca di invadere il loro mercato. A suo tempo fecero carte false per non fare entrare i giapponesi, ma poi si arresero di fronte ad una qualità di prodotto non paragonabile ai cassoni che producevano a Detroit. Sarebbe interessante che qualcuno controllasse per benino emissioni e consumi dichiarati anche quì in Europa. Intanto dal 2017 sarà obbligatorio anche da noi in fase di omologazione un dispositivo che verifica le emissioni su strada, contrariamente a quanto accade oggi che le verifiche vengono fatto al chiuso con le auto sui rulli. Del resto è arcinoto che i consumi e le emissioni dichiarati dalle case costruttrici sono ben lontani dalla realtà , essendo superiori anche del 20-30%, e sarebbe ora che qualcuno ci mettesse il naso in questa truffa ai danni del consumatore. Chissà se davvero ne vedremo delle belle…
http://www.theicct.org/nox-control-technologies-euro-6-diesel-passenger-cars